Expo 2015 Italia Rho Rho Fiera Milano
13 Settembre Set 2015 1000 3 years ago 13 Settembre Set 2015 1700 3 years ago
Sala Workshop 100

Le grandi tradizioni alimentari italiane e la dieta mediterranea

QR Code
Dieta Mediterranea

Da sempre i Club Lions hanno svolto un ruolo importante sul tema della valorizzazione e protezione di prodotti agro-alimentari di nicchia sui loro territori. In alcuni casi essi hanno svolto un ruolo di garanti, per conto della società civile, del rispetto di particolari “protocolli” di produzione. In sintesi, quindi, tra i tanti services che omogeneamente i Club Lions svolgono a livello mondiale ve ne sono alcuni che, declinati, in particolare sul proprio territorio sono rivolti a preservare e valorizzare un patrimonio culturale di rilevante importanza.

In tal senso alcuni clubs dei distretti YA (Campania – Basilicata - Calabria), YB (Sicilia), AB (Puglia), L (Lazio – Sardegna) e A (Abruzzo), che svolgono con particolare impegno questo tema il giorno 13 settembre, nell’ambito delle attività Lions in Cascina Triulza svolgeranno una giornata che declina il tema attraverso la realizzazione di banchetti di degustazione.

Tali banchetti saranno collocati nel piano superiore del Workshop della Cascina Triulza.

I Club attraverso l’allestimento dei tavoli di degustazione, con la valorizzazione delle eccellenze agroalimentari, realizzano il Service della Sana Alimentazione e di promozione del territorio.

Programma delle degustazioni:

Tavolo 1) La Mozzarella di Bufala Campana: I Lions del club di Battipaglia collaborano con il Consorzio per la tutela della Mozzarella di Bufala Campana.

Tavolo 2) L’Aglianico del Vulture; I Lions del Vulture promotori delle eccellenze del territorio.

Tavolo 3) Il bergamotto di Reggio Calabria Alimento Innovativo nella Dieta Mediterranea: Il Club di Reggio Calabria è da tempo impegnato in un service volto alla divulgazione l’uso del bergamotto nella filiera agroalimentare per usi food otre al ben noto uso in campo profumiero.

Tavolo 4) Il Pane di Matera dalla preistoria ad oggi: I Club di Matera attraverso questo service hanno inteso valorizzare e preservare un bene culturale che ha anche ricevuto l’IGP.

Tavolo 5) La porchetta Laziale: 2000 anni di storia. Il Club Lions di Roma Mare si pone come certificatore della alta qualità di produzione di questo bene culturale di una vasta area dell’Italia Centrale.

Tavolo 6 ) Il pane di Altamura e l'olio del parco dell'Alta Murgia. Il Pane di Altamura, elemento principale della Dieta Mediterranea, presentato con le antiche tradizioni di preparazione e cottura, esalta il sapore unico dell’olio di olive pugliese. Il Lions Club Altamura “Jesce- Murex” mantiene alta l’attenzione su questa cultura.

Tavolo 7) Le strade del vino del Castel del Monte. La vinificazione dell’uva di vitigni autoctoni (Primitivo, Nero di Troia, Melvasia e Bombino) nella tradizione agroalimentare pugliese. Il Lions Club Andria “Costanza di Aragona” è custode di questa tradizione

Tavolo 8) I legumu della Murgia. L’utilizzo delle leguminacee nella dieta contadina rappresenta un ritornare a vecchi piatti “poveri” ma ad alto contenuto nutrizionale. Il Lions Club Altamura “Jesce- Murex” attraverso i suoi services mantiene viva l’attenzione su questa cultura.

Tavolo 9) L’arte dolciaria pugliese: dal Medioevo ad oggi. L’antica arte dolciaria che dai tempi di Federico II si tramanda ai giorni nostri offre la possibilità di assaporare antichi sapori con prodotti genuini e ricette tradizionali. Il Lions Club Minervino Murge “Boemondo d’Altavilla” opera da sempre per la divulgazione di questo patrimonio storico/culturale.

Tavolo 10) L'uva di Sicilia: Patrimonio di un territorio unico. Le note uve da tavola siciliane sono le tante parti “buone” dell'isola. I Club del Distretto 108 YB ed in particolare i clubs insistenti nei territori di Catania, Agrigento e Palermo si sono sempre impegnati nei services volti alla protezione ed alla valorizzazione di questo bene del territorio.

Tavolo 11) ".....buona come il pane" : Il pane che mangiamo quotidianamente è un prodotto da forno che si allontana sempre di più dal pane tradizionale. Grani moderni, tecniche colturali, stoccaggio delle granaglie, molitura, lavorazione di tipo semi industriale con apporto di miglioratori hanno portato il pane quotidiano ad essere un prodotto costruito più per le esigenze di chi lo prepara che per quelle di chi lo mangia. Poi, da qualche tempo hanno preso piede pani a cassetta a lunga conservazione che pur essendo comodi per lo stile di vita quotidiano di single e piccole famiglie, hanno ingredienti e tecniche di lavorazione tali da non potere più essere definiti “pane”. Tutto ciò è in contrasto con una sempre maggiore attenzione alla salute e ad una corretta alimentazione, ed anche alla riscoperta di gusti antichi ed autentici. Con questa degustazione i Clubs della Sicilia non vogliono, soltanto, valorizzare un prodotto, ma promuovere la biodiversità (i grani antichi e non più prodotti, necessari per questa particolare panificazione) e la corretta alimentazione, con finalità non soltanto economiche per il territorio, ma anche sociali, in piena sintonia con le finalità Lions.

Tavolo 12) Bocconotto di Montorio al Vomano. Il club di Teramo sostiene, attraverso questo antico e semplice dolce d’Abruzzo, la cultura dell'alimentazione e la sostenibilità ambientale, espressione di aree interne ricche di valori spesso sacrificati sull'altare della globalizzazione.

Target

Tutti

Argomenti

Alimentazione
Bene comune
Comunità
Territori